Vai alla home page Vai alla home page
giovedì 23 novembre 2017
motore di ricerca
leggibilità Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica

Comune di Savigliano

Corso Roma, 36

12038 Savigliano (CN)

tel. 0172 710111

fax 0172 710322

email certificata
comune.savigliano@
legalmail.it

email info@
comune.savigliano.
cn.it

C.F. e P.IVA

00215880048

Uffici informazioni turistiche

tel. 0172 710247

tel. 0172 370736

Comune
Servizi online
Cultura e Turismo
Informazioni utili

Savigliano città del Pendolino

Ente Manifestazioni Savigliano
HOME » Cultura e Turismo | Principali monumenti | Il Ghetto Ebraico

Il Ghetto Ebraico

 

 



Nel 1773, in ottemperanza alle nuove disposizioni regie, la comunità ebraica di Savigliano, la più antica del Piemonte, dovette abbandonare la precedente area di insediamento compresa tra la parte settentrionale di piazza Santa Rosa e via Alfieri.
Il nuovo ghetto ebraico fu ospitato in alcuni edifici di proprietà del Conte Michele Derossi di Pomerolo e Santa Rosa, situati lungo il lato di levante dell'attuale via Palestro. Si trattava di uno spazio urbano più defilato rispetto al precedente e che poteva essere facilmente chiuso e isolato. Ad ovest in prossimità del sito degli antichi bastioni e a est verso via Cambiani, il ghetto fu separato dalla restante parte dell'abitato da apposite mura; nella contrada detta "del ghetto", ora via Palestro, furono costruite a mezzanotte e a mezzogiorno due porte di accesso che erano chiuse al calar della sera e riaperte al mattino.
Nel 1806 la comunità ebraica saviglianese era costituita da 159 persone e si dedicava prevalentemente al commercio di tessuti e abiti usati. Soppresso in epoca napoleonica e poi ripristinato, il ghetto nel 1826 era abitato ancora da 144 ebrei di cui 64 maschi e 80 femmine. La sinagoga, di cui oggi non rimane più traccia, era collocata in un edificio interno al ghetto, al terzo piano.
A seguito delle concessioni dello Statuto Albertino del 1848 che sancirono l'abolizione del ghetto, numerose famiglie emigrarono altrove, specie a Torino. La sinagoga fu trasferita in un locale situato nei pressi del teatro civico. Tale locale fu poi abbattuto dal Comune per consentire i lavori di ristrutturazione del teatro e si destinò alla sinagoga la sede attualmente occupata dal giornale locale Il Saviglianese, cui si accedeva da via Palestro.
Nell'ultimo decennio dell'Ottocento la comunità ebraica si dissolse progressivamente riducendosi a poche persone. La sinagoga, ormai non più officiata, fu smantellata negli anni successivi.

 

 

torna alla pagina precedente

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2008 ::
Note legali | Privacy | Posta elettronica certificata | Elenco siti tematici
Per contattare l'amministratore del sito clicca qui.