Vai alla home page Vai alla home page
mercoledì 22 novembre 2017
motore di ricerca
leggibilità Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica

Comune di Savigliano

Corso Roma, 36

12038 Savigliano (CN)

tel. 0172 710111

fax 0172 710322

email certificata
comune.savigliano@
legalmail.it

email info@
comune.savigliano.
cn.it

C.F. e P.IVA

00215880048

Uffici informazioni turistiche

tel. 0172 710247

tel. 0172 370736

Comune
Servizi online
Cultura e Turismo
Informazioni utili

Savigliano città del Pendolino

Ente Manifestazioni Savigliano
HOME » Informazioni utili | Tasse e tributi | TARES

TARES - TRIBUTO SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI - 2013

 

 

Dal 1? gennaio 2013 ? istituito il Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi, ai sensi dell'art. 14 D.L. 201/2011 e s.m.i., a copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei Comuni.

 

La tariffa, che sostituisce la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani, ? articolata per fasce di utenza domestica e non domestica, ed ? dovuta da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali od aree scoperte operative, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

 

Alla tariffa si applica una maggiorazione pari ad ? 0,30/mq. a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili dei Comuni; tale maggiorazione ? riservata allo Stato ed ? versata in unica soluzione unitamente all'ultima rata del tributo (art. 10 D.L. 35/2013 in vigore dal 9.4.2013).

 

Sull'importo TARES, esclusa la maggiorazione per i servizi indivisibili, si applica il tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni ambientali di cui all'art. 19 del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504, nella misura percentuale deliberata dalla provincia pari al 5 per cento.

 

Sono comunque escluse dalla tassazione le aree scoperte e pertinenziali o accessorie a locali tassabili, quali balconi, terrazze scoperte, posti auto scoperti, cortili, giardini e parchi, AD ECCEZIONE DELLE AREE SCOPERTE OPERATIVE DELLE UTENZE NON DOMESTICHE.
Sono altres? escluse le aree comuni condominiali di cui all'art. 1117 c.c. che non siano detenute o occupate in via esclusiva.

 

Per il dettaglio consultare il Regolamento per l'istituzione e l'applicazione della TARES , approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 14 del 23.4.2013 e la deliberazione Consiglio Comunale n. 20 del 28.5.2013 di determinazione delle scadenze e di approvazione delle tariffe 2013 di cui all'allegato A.


DICHIARAZIONE

 

I contribuenti presentano all'Ufficio Tributi del Comune la dichiarazione relativa ad ogni nuova occupazione, variazione o cessazione nell'utilizzo dei locali o delle aree scoperte operative, entro i 90 giorni successivi al verificarsi del fatto che ne determina l'obbligo, tramite i seguenti modelli:

 

Modello dichiarazione Utenze Domestiche

 

Modello dichiarazione Utenze Non Domestiche


La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi qualora non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo.

 

ATTENZIONE: Se non sono intervenute modifiche, sono fatte salve le precedenti dichiarazioni gi? presentate ai fini della Tassa Smaltimento Rifiuti.


VERSAMENTO

 

Per l'anno 2013 sono previste due rate per il versamento aventi scadenza l'1.8.2013 e l'1.10.2013.

 

TARIFFE

 

Per l'anno 2013 sono state approvate le seguenti tariffe:

 

Utenze domestiche

 

Numero
componenti
Ka Quota fissa
(?/mq/anno)
Kb Quota variabile
(?/anno)
1 0,80 ? 0,65736 0,80 ? 47,61288
2 0,94 ? 0,7724 1,60 ? 95,22576
3 1,05 ? 0,86279 2,00 ? 119,0322
4 1,14 ? 0,93674 2,60 ? 154,74186
5 1,23 ? 1,01069 3,20 ? 190,45152
6 o pi? 1,30 ? 1,06821 3,70 ? 220,20957

 

 

Utenze non domestiche

 

Categorie di attivit? Kc Quota fissa
(?/mq/anno)
Kd Quota variabile
(?/mq/anno)
1 Associazioni, biblioteche, musei, scuole (ballo, guida, ...) 0,54 ? 0,4112 4,39 ? 0,6488
2 Cinematografi e teatri 0,37 ? 0,28175 3,00 ? 0,44337
3 Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta 0,56 ? 0,42643 4,55 ? 0,67244
4 Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi 0,82 ? 0,62442 6,73 ? 0,99463
5 Stabilimenti balneari 0,51 ? 0,38836 4,16 ? 0,61481
6
6.6
6.66
Autosaloni ed esposizioni
Locali non civili vuoti ed inutilizzati
Aree scoperte operative
0,43 ? 0,32744 3,52 ? 0,52022
7 Alberghi con ristorante 1,42 ? 1,08132 11,65 ? 1,72175
8 Alberghi senza ristorante 1,02 ? 0,77672 8,32 ? 1,22961
9 Carceri, case di cura e di riposo, caserme 1,13 ? 0,86048 9,21 ? 1,36115
10 Ospedale 1,18 ? 0,89856 9,68 ? 1,43061
11 Agenzie, studi professionali ed uffici 1,30 ? 0,98994 10,62 ? 1,56953
12 Banche ed istituti di credito 0,58 ? 0,44166 4,77 ? 0,70496
13 Cartolerie, librerie, negozi di beni durevoli, calzature, ferramenta 1,20 ? 0,91379 9,85 ? 1,45573
14 Edicola, farmacia, plurilicenze, tabaccai 1,46 ? 1,11178 11,93 ? 1,76313
15 Negozi di antiquariato, cappelli, filatelia, ombrelli, tappeti, tende e tessuti 0,72 ? 0,54827 5,87 ? 0,86753
16 Banchi di mercato beni durevoli* 1,44 ? 1,8272 11,74 ? 2,8946
17 Barbiere, estetista, parrucchiere 1,29 ? 0,98232 10,54 ? 1,55771
18 Attivit? artigianali tipo botteghe: elettricista, fabbro, falegname, idraulico 0,93 ? 0,70819 7,62 ? 1,12616
19 Autofficina, carrozzeria, elettrauto 1,25 ? 0,95186 10,25 ? 1,51485
20 Attivit? industriali con capannoni di produzione 0,65 ? 0,49497 5,33 ? 0,78772
21 Attivit? artigianali di produzione beni specifici 0,82 ? 0,62442 6,71 ? 0,99167
22 Osterie, pizzerie, pub, ristoranti, trattorie 5,57 ? 4,2415 45,67 ? 6,74957
23 Birrerie, hamburgherie, mense 4,85 ? 3,69323 39,78 ? 5,87909
24 Bar, caff?, pasticceria 5,13 ? 3,90644 42,00 ? 6,20718
25 Generi alimentari (macellerie, pane e pasta, salumi e formaggi, supermercati) 2,39 ? 1,81996 19,61 ? 2,89816
26 Plurilicenze alimentari e/o miste 2,08 ? 1,5839 17,00 ? 2,51243
27 Fiori e piante, ortofrutta, pescherie, pizza al taglio 7,17 ? 5,45988 58,76 ? 8,68414
28 Ipermercati di generi misti 2,15 ? 1,6372 17,64 ? 2,60702
29 Banchi di mercato genere alimentari* 5,21 ? 3,6398 42,74 ? 5,7962
30 Discoteche, night-club, sale gioco e locali scommesse 1,48 ? 1,12701 12,12 ? 1,79121

* La tariffa prevista per la categoria degli ambulanti ? calcolata nella misura annuale.

 

 


ARTICOLAZIONE DELLA TARIFFA (D.P.R. 158/1999)

 

La tariffa ? composta da una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per opere e ai relativi ammortamenti, e da una quota variabile, rapportata alle quantit? di rifiuti conferiti, alle modalit? del servizio fornito e all'entit? dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio, compresi i costi di smaltimento.

 

La tariffa ? articolata nelle fasce di utenza domestica e di utenza non domestica.


UTENZE DOMESTICHE

 

La quota fissa della tariffa per le utenze domestiche ? determinata applicando alla superficie dell'alloggio e dei locali che ne costituiscono pertinenza le tariffe per unit? di superficie parametrate al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.1, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158, in modo da privilegiare i nuclei familiari pi? numerosi.

La quota variabile della tariffa per le utenze domestiche ? determinata in relazione al numero degli occupanti, secondo le previsioni di cui al punto 4.2, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.
I coefficienti rilevanti nel calcolo della tariffa sono determinati nella delibera tariffaria.

 

Per i criteri di attribuzione del numero degli occupanti e per la definizione delle pertinenze, si rimanda all'art. 17 Regolamento TARES.

 

Riduzioni ed Agevolazioni

 

Per le utenze domestiche sono riconosciute le seguenti riduzioni e agevolazioni:

 

  1. RIDUZIONE 55% DELLA TARIFFA PER LE UTENZE DOMESTICHE DEI CONTRIBUENTI RESIDENTI CHE SIANO IN POSSESSO E PRODUCANO ALL'UFFICIO TRIBUTI ENTRO IL 31 DICEMBRE DELL'ANNO PRECEDENTE A QUELLO DI RIFERIMENTO L'ATTESTAZIONE ISEE INFERIORE O PARI ? 8.000,00 (agevolazione art. 27 comma 1 lettera a) Regolamento TARES);

  2. RIDUZIONE 30% PER LE CIVILI ABITAZIONI UTILIZZABILI MA NON UTILIZZATE IN QUANTO PRIVE DI PERSONE, COSE, ARREDI, MOBILI E SUPPELLETTILI, E PER LE QUALI NON E' ATTIVA ALCUNA UTENZA DOMESTICA INDIVIDUALE RELATIVA AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' (agevolazione art. 27 comma 1 lettera b) Regolamento TARES);

  3. RIDUZIONE 30% PER LE UTENZE DOMESTICHE CONDOTTE DA UNICO OCCUPANTE PORTATORE DI HANDICAP (riduzione art. 23 comma 1 Regolamento TARES);

 

Per le utenze domestiche che abbiano avviato il COMPOSTAGGIO dei propri scarti organici si applica una riduzione della tariffa pari:

 

  1. al 5% della tariffa per le abitazioni site all'interno dell'area ove viene effettuato il servizio di raccolta porta a porta;

  2. al 20% della tariffa per le abitazioni site oltre tale area.

Per ottenere la predetta riduzione ? necessario presentare l'apposita domanda di riduzione fiscale. Modello istanza per zona raccolta rifiuti "porta a porta" - Modello istanza per zona raccolta rifiuti "a cassonetti"

Per maggiori informazioni in merito, ? possibile consultare il Piccolo Manuale di Compostaggio Domestico.

 

RESTANO VALIDE LE DICHIARAZIONI GIA' PRESENTATE AI FINI TARSU.


UTENZE NON DOMESTICHE

 

La quota fissa della tariffa per le utenze non domestiche ? determinata applicando alla superficie imponibile le tariffe per unit? di superficie riferite alla tipologia di attivit? svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni di cui al punto 4.3, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.
La quota variabile della tariffa per le utenze non domestiche ? determinata applicando alla superficie imponibile le tariffe per unit? di superficie riferite alla tipologia di attivit? svolta, calcolate sulla base di coefficienti di potenziale produzione secondo le previsioni di cui al punto 4.4, Allegato 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1999, n. 158.
I coefficienti rilevanti nel calcolo della tariffa sono determinati per ogni classe di attivit? contestualmente all'adozione della delibera tariffaria.

 

L'art. 14 D.L. 201/2011, come modificato sul punto dalla L. 228/2012 (legge di Stabilit? per l'anno 2013), prevede la classificazione in base alla seguente tabella delle utenze non domestiche secondo le categorie previste dal D.P.R. 158/1999, istitutivo del metodo normalizzato per la definizione della tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani.

 

Le utenze non domestiche sono, infatti, suddivise nelle seguenti categorie.

 

Comuni con pi? di 5.000 abitanti

01. Associazioni, biblioteche, musei, scuole (ballo, guida ecc.)
02. Cinematografi, teatri
03. Autorimesse, magazzini senza vendita diretta
04. Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi
05. Stabilimenti balneari
06. Autosaloni, esposizioni
066. Locali non civili vuoti ed inutilizzati
0666. Aree scoperte operative
07. Alberghi con ristorante
08. Alberghi senza ristorante
09. Carceri, case di cura e di riposo, caserme
10. Ospedali
11. Agenzie, studi professionali, uffici
12. Banche e istituti di credito
13. Cartolerie, librerie, negozi di beni durevoli, calzature, ferramenta
14. Edicole, farmacie, plurilicenza, tabaccai
15. Negozi di Antiquariato, cappelli, filatelia, ombrelli, tappeti, tende e tessuti
16. Banchi di mercato beni durevoli
17. Barbiere, estetista, parrucchiere
18. Attivit? artigianali tipo botteghe (elettricista, fabbro, falegname, idraulico, fabbro, elettricista)
19. Autofficina, carrozzeria, elettrauto
20. Attivit? industriali con capannoni di produzione
21. Attivit? artigianali di produzione beni specifici
22. Osterie, pizzerie, pub, ristoranti, trattorie
23. Birrerie, hamburgerie, mense
24. Bar, caff?, pasticceria
25. Generi alimentari (macellerie, pane e pasta, salumi e formaggi, supermercati)
26. Plurilicenze alimentari e miste
27. Fiori e piante, ortofrutta, pescherie, pizza al taglio
28. Ipermercati di generi misti
29. Banchi di mercato generi alimentari
30. Discoteche, night club, sale gioco, locali scommesse

 

 

L'attribuzione delle categorie avviene di regola sulla base del Codice ATECO relativo all'attivit? principale, fatta salva la prevalenza dell'attivit? effettivamente svolta ed indicata dal contribuente nella dichiarazione.

 

La tariffa applicabile ? di regola unica per tutte le superfici facenti parte del medesimo compendio.

 

Riduzioni

 

Per le utenze non domestiche sono riconosciute le seguenti riduzioni:

 

  1. RIDUZIONE 30% PER LOCALI ED AREE SCOPERTE ADIBITI AD USO STAGIONALE O NON CONTINUATIVO, MA RICORRENTE, RISULTANTE DA LICENZA O ATTO ASSENTIVO RILASCIATO DAGLI ORGANI COMPETENTI (riduzione art. 24 Regolamento TARES);

  2. RIDUZIONE 50% SULLE SUPERFICI DESTINATE A DEPOSITO O MAGAZZINO, PER LE ATTIVITA' CHE PRODUCONO RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI CHE PROVVEDANO ALLO SMALTIMENTO ED ALL'AVVIO AL RECUPERO TRAMITE TERZI OPERATORI, a seguito di presentazione di apposita dichiarazione e della relativa documentazione da allegare entro il mese di maggio di ogni anno (riduzione art. 25 Regolamento TARES); per la definizione dei rifiuti assimilati v. art. 3 Regolamento TARES.

 

Rifiuti speciali

 

Nella determinazione della superficie tassabile non si tiene conto di quella parte ove si formano esclusivamente RIFIUTI SPECIALI NON ASSIMILATI E/O PERICOLOSI, oppure sostanze escluse dalla normativa sui rifiuti, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori (v. art. 10 Regolamento TARES).
Qualora sia documentata una contestuale produzione di rifiuti urbani o assimilati e di rifiuti speciali non assimilati o di sostanze comunque non conferibili al pubblico servizio, ma non sia obiettivamente possibile o sia sommamente difficoltoso individuare le superfici escluse dal tributo, la superficie imponibile ? calcolata applicando all'intera superficie su cui l'attivit? ? svolta la percentuale del 50% di abbattimento.
Per fruire dell'esclusione/abbattimento occorre indicare nella dichiarazione la superficie di formazione dei rifiuti distinti per codice CER, e comunque idonea documentazione attestante la sussistenza dei requisiti richiesti, anche tramite posta elettronica, entro il mese di maggio di ogni anno.

 

RESTANO VALIDE LE DICHIARAZIONI GIA' PRESENTATE AI FINI TARSU.


Per eventuali ulteriori informazioni, rivolgersi all'Ufficio Tributi
Tel. 0172/710212 - 269 - 292 - mail: tributi@comune.savigliano.cn.it

 

 

TRIBUTO GIORNALIERO

 

Ai sensi dell'art. 21 Regolamento TARES, il tributo si applica in base a tariffa giornaliera ai soggetti che occupano o detengono temporaneamente, ossia per periodi inferiori a 183 giorni nel corso dello stesso anno solare, con o senza autorizzazione, locali od aree pubbliche o di uso pubblico.


La tariffa applicabile ? determinata rapportando a giorno la tariffa annuale relativa alla corrispondente categoria di attivit? non domestica, e aumentandola sino al 100%.

 

Per informazioni rivolgersi alla M.T. S.p.A. Via Savio, 11/A - 12038 SAVIGLIANO (CN)


Telefono: 0172/726838


Orario: 9:00/12:00 dal luned? al venerd?


Sede legale: SANT'ARCANGELO DI ROMAGNA (RN), Via del Carpino, 2/4, C.A.P. 47822

 

 

torna alla pagina precedente

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2008 ::
Note legali | Privacy | Posta elettronica certificata | Elenco siti tematici
Per contattare l'amministratore del sito clicca qui.