Vai alla home page Vai alla home page
sabato 25 novembre 2017
motore di ricerca
leggibilità Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica

Comune di Savigliano

Corso Roma, 36

12038 Savigliano (CN)

tel. 0172 710111

fax 0172 710322

email certificata
comune.savigliano@
legalmail.it

email info@
comune.savigliano.
cn.it

C.F. e P.IVA

00215880048

Uffici informazioni turistiche

tel. 0172 710247

tel. 0172 370736


Savigliano città del Pendolino

Ente Manifestazioni Savigliano
HOME » Cultura e Turismo | Principali monumenti | L'Ala del Mercato

L'ALA DEL MERCATO

 

 



 

Nel Piemonte dell'Ottocento, sorretto da un'economia essenzialmente di tipo agricolo, la costruzione delle "ali" del mercato era un fenomeno comune nelle principali città. Importanti ali furono edificate a Novara, Asti, Vercelli, Alessandria, Carmagnola, Cuneo, Racconigi, Saluzzo, Bra, Alba e, appunto, Savigliano. I sistemi costruttivi contemplavano il ricorso sia a tecnologie tradizionali (laterizio, pietra, legno) che l'uso di nuovi sistemi costruttivi (ghisa e/o acciaio) per le strutture portanti.
Il 25 giugno 1854 il Consiglio Comunale della Città di Savigliano discusse all'ordine del giorno l'opportunità o meno di costruire un'ala per i mercati a beneficio del commercio locale.
La commissione incaricata di occuparsi dell'erigenda ala pubblica doveva pertanto decidere sulla più conveniente collocazione da dare alla struttura, nonché presentare un progetto che ne descrivesse le caratteristiche costruttive.
Nel corso del Consiglio Comunale del 13 novembre 1854 fu presentata la relazione della commissione. Il primo sito proposto corrispondeva al fabbricato di proprietà del Regio Ospizio di Carità, posto a ponente della Piazza Nuova.
In base al progetto di costruzione realizzato dal geometra Giovenale Trossarelli, la tettoia doveva comprendere otto vasti magazzini alle due estremità, di cui due potevano essere destinati ad ospitare il peso pubblico e l'altro il dazio comunale. I sei magazzini rimanenti erano riservati alle attività commerciali.
Il 23 maggio 1856 fu indetta la gara d'appalto definitiva per l'affidamento dei lavori, in base alla perizia e al capitolato d'oneri redatti da Trossarelli e datati 28 gennaio 1856.
L'edificio fu costruito nel giro di un anno e vi fu collocato anche il locale mercato dei bozzoli. Successivamente venne utilizzata come magazzino per bestiame e foraggi, deposito e peso cittadino.
La costruzione, lunga quasi 53 metri, larga 25,5 ed alta 13, rappresenta un'interessante testimonianza del gusto architettonico dell'epoca riferito a costruzioni destinate ad attività commerciali. La struttura portante è costituita di pilastri in laterizio che reggono una copertura in coppi e lose con struttura di supporto lignea (rilevanti le quattro capriate della navata interna). L'edificio presenta esternamente una muratura a vista, ritmata da un susseguirsi di arcate di sobrio disegno, parte libere e parte tamponate.
I quattro ingressi principali sono sormontati da timpani triangolari, nei quali figurano stemmi crociati, ad eccezione del prospetto sulla piazza, ove sono presenti un orologio ed una campana.
Dagli anni '60 del secolo scorso si cominciò a discutere di un eventuale abbattimento dell'edificio e furono banditi concorsi di idee per possibili riutilizzi della struttura o dello spazio da essa occupato. Dal 1998, in seguito ai lavori di manutenzione straordinaria per il riutilizzo dell'immobile, l'Ala è stata recuperata e destinata a struttura polifunzionale per attività culturali ricreative e a sede dell'Ente Manifestazioni.

 

torna alla pagina precedente

Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2008 ::
Note legali | Privacy | Posta elettronica certificata | Elenco siti tematici
Per contattare l'amministratore del sito clicca qui.